Aspromiele

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME ARCHIVIO PRIMA PAGINA Apicoltura Velutina in Piemonte: siamo a quota 5, una in primavera le altre in questi giorni. Continuiamo a monitorare

Velutina in Piemonte: siamo a quota 5, una in primavera le altre in questi giorni. Continuiamo a monitorare

Stampa PDF

(24 ottobre 2014)

vespa velutinaCon l’arrivo dell’autunno ricompare Vespa velutina in provincia di Cuneo. Le preoccupazioni che ci hanno accompagnato durante l’estate si sono rivelate fondate. Come nello scorso anno la presenza del calabrone asiatico si è palesata solo a settembre inoltrato. Dopo la cattura di un esemplare adulto, probabilmente una regina fondatrice, il 22 aprile a Monasterolo Casotto (dove lo scorso anno era stato individuato un nido), non ci è pervenuta alcuna altra segnalazione.


Dalla metà del mese di agosto di quest’anno è stata potenziata l’azione di monitoraggio condotta da Aspromiele nell’ambito del progetto Beenet, attività coordinata dal Disafa della Facoltà di Agraria di Torino. Aspromiele e Coldiretti hanno inoltre avviato loro specifici monitoraggi rispettivamente in collaborazione con apicoltori e frutticoltori, che hanno confermato il ritrovamento del calabrone asiatico.
Il 15 settembre è stato rinvenuto un esemplare adulto nel comune di Roccasparvera, bassa valle Stura di Demonte. Intorno al punto di cattura sono state immediatamente installate ulteriori trappole, in un raggio di 300-500 metri, con l’obiettivo di intensificare il monitoraggio. Le trappole, poste in prossimità degli apiari presenti in zona e su piante da frutto prossime alla raccolta, hanno portato a una successiva cattura di un esemplare di velutina sempre nel medesimo comune. A circa 300 metri dalla prima trappola, all’interno di un orto familiare con meli e peri in fase di maturazione, il 30 di settembre è stato catturato un ulteriore esemplare adulto.
Il 15 di ottobre l’azienda apistica Cascina Rosa, sita nel comune di Caraglio, ci ha segnalato la cattura di un esemplare di velutina in prossimità del proprio apiario. I comuni di Roccasparvera e Caraglio distano circa 10 km l’uno dall’altro, ma sono separati da alcuni rilievi con un’altezza media che sfiora i 1.000 m slm; supporre un collegamento tra le catture effettuate nelle due zone appare per il momento problematico.
Il giorno successivo, il 16 ottobre, l’apicoltore Ivan Carazzone, anche lui nei pressi del suo apiario a Paroldo (Alta Langa), ha catturato l’ultimo esemplare (al momento) di Vespa velutina.
In quest’ultimo caso l’insetto è stato individuato su un cespuglio di edera in fioritura, ucciso e consegnatoci per essere classificato. Le altre catture erano invece avvenute con l’impiego di trappole costituite da comuni bottiglie di plastica contenenti come attrattivo la sola birra e dotate di specifico tappo.
Tutti gli insetti catturati sono stati classificati dal Disafa della Facoltà di Agraria di Torino. Queste catture confermano, purtroppo, la presenza di velutina in Piemonte. Il monitoraggio proseguirà sino all’arrivo dell’inverno.
Un particolare ringraziamentova a tutti gli apicoltori e frutticoltori che si sono resi disponibili e che stanno collaborando all’attività di monitoraggio su tutto il territorio regionale.  

Vedi esemplare catturato