Aspromiele

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

 

attivit formativa-clicca qui

 


Prossimi eventi:

Corso gratuito di aggiornamento sulle problematiche apistiche sanitarie (Piano di lotta alla varroa) e normative:Torino, Alessandria, Novara, Cuneo, Asti Verbania Biella        


Aspromiele organizza nuovi corsi di approfondimento

(15 febbraio 2019)

corso formazione1

Al via l'attività formativa organizzata da Aspromiele per la primavera 2019. I corsi sono tanti e sono stati distribuiti tra tutte le province del Piemonte; clicca qui (Attività Formativa) per consultare l'elenco completo e le date già fissate. Per qualsiasi dubbio contatta il tuo tecnico di zona!

 

Regione Piemonte: piano di lotta alla varroa

(19 aprile 2019)

La Regione Piemonte ha pubblicato il piano di lotta contro la varroa 2019 e una serie di indicazioni operative e aggiornamenti normativi relativi al settore apistico.

Vedi: Piano controllo infestazione Varroa destructor 2019
Vedi: Piano- Varroa-2019
Vedi: Tabella degli acaricidi consentiti in Italia

 

Ancora furti nell'alessandrino

(12 aprile 2019)

furto-parodi-ligure-2019Dieci alveari a Parodi Ligure. Postazione di quindici alveari, rubati i primi dieci e lasciati gli ultimi cinque.
Presentata denuncia ai Carabinieri.

 

Furto di 68 alveari ad azienda piemontese in Toscana

(08 aprile 2019)

furtoportoercole2019Non sono pochi gli apicoltotri piemontesi che hanno in questo periodo alveari in Toscana.
A Porto Ercole (GR) sono stati rubati 68 alveari, dentro una proprietà privata, sfondando un cancello di ferro, con una operazione sicuramente premeditata.

 

 

Piemonte: i casi di avvelenamento continuano

(07 aprile 2019)

 avvelenamento aprile2019

Negli ultimi giorni, da alcuni apicoltori sono stati segnalati nuovi eventi di morie di api nell'Alessandrino, prima presso il comune di Castelletto d'Orba poi ad Acqui Terme. Gli apiari interessati sono complessivamente tre. Le morie sono state denunciate all'Asl di competenza e i campioni di api prelevati sono stati inviati al laboratorio per analisi ufficiali.

I sintomi riscontrati dagli apicoltori sono riconducibili presumibilemente all'avvelenamento: api tremolanti con le convulsioni, incapaci di volare, eliminate dagli alveari dalle compagne. Molte le bottinatrici moribonde con polline sulle zampe.

 

Furti 2018, ecco dove sono avvenuti

(02 aprile 2019)

mappa-furti-2018Le segnalazioni arrivate dai soci dicono principalmente due cose.
La prima è che c'è stato un territorio particolarmente colpito, quello tra astigiano e cuneese, dove è ancora più importante prestare la massima attenzione.
La seconda è che rispetto al 2017 le segnalazioni si sono dimezzate (circa due dozzine nel 2017, sono state una dozzina nel 2018).
Questa diminuzione potrebbe essere il risultato del continuo lavoro di sensibilizzazione che Aspromiele sta portando avanti per arginare il fenomeno dei furti, testando i sistemi antifurto, attivando convenzioni con chi commercializza questi strumenti, studiando le norme che ne regolano l'utilizzo, aggiornando tempestivamente gli apicoltori sulle segnalazioni di furto e allarmando quelli che operano nelle zone divenute a rischio.     
Le segnalazioni possono essere fatte ai tecnici o tramite la mail dedicata: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Ricordiamo che le segnalazioni sono fondamentali per poter quantificare e documentare il fenomeno, in modo da cercare le migliori strategie per contrastarlo.

Vedi mappa 2018

 

 

1° edizione "Apiario d’Autore" a Orta San Giulio (NO)

(26 marzo 2019)

apiarioautore manifesto-2019Sabato 13 e domenica 14 aprile, presso l'hotel Bocciolo di Via Domodossola 26: artisti a sostegno dell'ambiente, per sensibilizzare il grande pubblico al mondo delle api attraverso l'arte.
"Apiario d’Autore" significa intervenire attivamente in sostegno dell’ambiente, salvaguardare la natura nell’interesse di tutti e un nuovo modo di visualizzare l’apiario: non solo un insieme di “casette” colorate collocate sul territorio ma anche un’opera d’arte che si integra in modo armonioso con il paesaggio
La proposta è volta alla sensibilizzazione del mondo dell’ape attraverso l’arte, è rivolta a tutti gli amanti della natura e dell’arte, ai buongustai, a chi ama i prodotti genuini, a chi è consapevole dell’importanza che rivestono le attività ecocompatibili per la difesa della natura. Impreziosite e rese uniche da tecniche grafiche e pittoriche degli artisti coinvolti, le arnie simboleggeranno l’importanza delle api come sentinelle dell’ambiente e per la continuità delle risorse alimentari del pianeta e “l’opera d’arte” che da millenni riesce a creare questo straordinario imenottero.

 

Marzo 2019, altra raffica di furti, modalità diverse

(22 marzo 2019)

furto-alveariColpiti l'alessandrino, il cuneese e il novarese.
4 alveari a Carrosio (AL) e 5 a Visone (AL): in questi casi ne sono stati portati via solo alcuni, risparmiandone altri.
25 favi di scorte a Cerano (NO): risparmiati quelli di covata.
50 nuclei a Mondovì (CN): qui non è stato risparmiato niente.

 

 

Altri due furti in provincia di Alessandria

(19 marzo 2019)

furto-alveari

A Vignale monferrato sono stati rubati 5 alveari; a Pontecurone 10. Quest'ultimo furto si è svolto in due tempi, prima sono stati sottratti 4 alveari, un paio di settimane dopo altri 6.
In entrambi i casi è stata fatta denuncia.

 

Caso di sospetto avvelenamento in provincia di Novara

(18 marzo 2019)

 

 avvelenamenti-ar-2

La primavera è quasi arrivata e, ovunque, le prime fioriture sono già in corso. In contrapposizione a quest’immagine idilliaca siamo costretti a riportare il primo caso dell’anno di sospetto avvelenamento.

Giovedì 14 marzo, è stata segnalata ad Aspromiele una moria di api anomala davanti ad alcuni alveari posizionati, solo da pochi giorni, in comune di Dormelletto (NO); davanti all’ingresso degli alveari e sul terreno circostante, l’apicoltore ha notato mucchietti di api morte con ligula estroflessa, api tremolanti ed incapaci di volare tra le quali molte bottinatrici con polline sulle zampe posteriori. I sintomi rilevati sono riconducibili presumibilmente ad avvelenamento. Un campione di api morenti è stato inviato al laboratorio di analisi, siamo in attesa dei risultati.

 

Nuovo furto a Gattinara (VC)

(14 marzo 2019)

furto-gattinara-2019-2Si stanno ripetendo i furti intorno al comune di Gattinara, prestare attenzione.
L'ultimo furto è stato di 6 alveari, altri 2 alveari sono collassati perchè gli ingressi erano stati tappati ma gli alverai non sono stati rubati.
È stata fatta denuncia, fondamentale se si vuole avere dati per chiedere alle forze dell'ordine una specifica vigilanza.
Sui tetti degli alveari rubati ci sono delle scritte rosse.
Anche sui telai del nido sono scritti dei numeri e la sigla "AD".

 

Furto a Caramagna P.te (CN)

(12 marzo 2019)

furto-alveari

Sarà la primavera anticipata oppure il triste fatto che, come asserisce Einstein, la stupidità umana non ha limiti, che purtroppo siamo a segnalare la prima notizia del 2019 riguardante la piaga dei furti di alveari.
Il 3 marzo scorso nel comune di Caramagna P.te (CN) è avvenuto il furto di 16 alveari di nuova fabbricazione e di famiglie in ottimo stato di salute. L’apicoltore ha avuto l’impressione che i delinquenti abbiano avuto molto tempo di manovra, in quanto hanno scelto e selezionato le migliori famiglie e asportato anche i panetti di candito dalle casse rimanenti. Non contenti hanno rubato addirittura gli elementi in legno delle banchette poste a sostegno degli alveari. E' stata sporta denuncia. Come sempre invitiamo coloro i quali possano avere informazioni in merito di contattarci senza esitazione.

 

Controlli e sanzioni Bda

(12 marzo 2019)

banner anagrafeComunichiamo che sono iniziati i controlli ufficiali e le sanzioni da parte delle autorità competenti sugli adempimenti per l’iscrizione in Banca Dati Apistica (BDA) come previsto dal D.M. 04/12/2009 e dal Manuale operativo per la gestione dell'anagrafe apistica nazionale (D.M. 11-08-2014). A tal proposito, come annunciato già durante gli appuntamenti formativi specifici e negli incontri zonali coi soci in questi anni, esortiamo tutti a prestare particolare attenzione alle scadenze della denuncia annuale di censimento apistico (1° novembre 31 dicembre) e registrare in BDA il possesso anche solo di un alveare. Le sanzioni ci sono e sono economicamente importanti (Vedi allegato).

 

Ritornano i corsi sulla produzione di idromele, di primo e secondo livello

(01 marzo 2019)

idromele1I corsi affronteranno temi che spaziano dalla produzione alla promozione e analisi sensoriale del prodotto.
Si svolgeranno a Roppolo (BI) nei giorni 12 e 13 marzo, 16 e 17 aprile 2019 il primo livello, e nei giorni 13 e 14 marzo, 17 e 18 aprile 2019 il secondo livello.
Il docente del corso sarà l'enologo dott. Agr. Aldo Buiani che da anni segue i processi di produzione dell'idromele per diverse aziende italiane, le quali hanno raggiunto elevati standard produttivi, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo.

 

Biomonitoraggi con le api

foto-monitoraggio2017Aspromiele promuove l’utilizzo delle api per valutare la qualità dell’ambiente e propone a tutto il settore agricolo di utilizzarle per rilevare eventuali fonti di inquinamento.

Vedi depliant monitoraggio Aspromiele

 

Nomadismo in Lombardia 2019

(22 gennaio 2019)

banner anagrafeIn Regione Lombardia esistono specifiche norme che regolano il nomadismo.
Per poter effettuare nomadismo in Lombardia è necessario avere inserito nel censimento le postazioni di nomadismo ad alveari 0.
Inoltre va fatta richiesta di nomadismo entro il 31 gennaio all'Ats lombarda di competenza sulle postazione di destinazione (scarica modulo).

 

Corso di perfezionamento di primo livello in analisi sensoriale del miele

(17 gennaio 2019)

millefiori fiori

Dal 22 al 24 febbraio, Aspromiele organizza un corso di perfezionamento di primo livello in analisi sensoriale del miele a S. Paolo Solbrito; il docente del corso è Massimo Carpinteri, mentre la sede del corso sarà l’azienda Apicoltura Albero della vita, San Paolo Solbrito (AT), strada Tagliaverde 10. E' possibile frequentare il corso solo se è già stato seguito il corso di introduzione all'analisi sensoriale.

Di seguito, il programma dettagliato delle giornate:

22 febbraio, mattino( 9-13)
- Richiamo dei principi generali dell’analisi sensoriale
- Ripasso delle modalità di degustazione con analisi descrittiva
- Ripasso dei miele uniflorali obbligatori ( 17 campioni) + altri insoliti o rari.

 

Trovati tre nidi di Vespa velutina in Piemonte

(19 dicembre 2018)
 

nido velutina3 

Dopo il ritrovamento di un nido a Ormea (CN), in alta Val Tanaro, avvenuto lo scorso ottobre, in questi giorni sono stati rinvenuti tre nidi di Vespa velutina in Piemonte, sempre in provincia di Cuneo, in particolare nei comuni di Montaldo Mondovì, Castelnuovo di Ceva e Alto.
A Montaldo Mondovì, nel Monregalese, è il secondo nido rinvenuto dal 2013 ad oggi in quest’area caratterizzata da sporadica predazione negli apiari, quindi maggiormente monitorata.
La località di Castelnuovo di Ceva dista una ventina di chilometri dall’area colonizzata del Monregalese e una trentina di chilometri da Ormea. Dal mese di settembre sono stati segnalati sporadicamente alcuni calabroni in predazione davanti agli alveari, situazione che faceva presumere la presenza di un nido nell’area. L’apiario coinvolto negli avvistamenti dista più di 1 km dal luogo di ritrovamento del nido.

 

Cooperativa Piemonte Miele, presa di posizione sulla salvaguardia della biodiversità genetica dell’ape mellifera

(18 dicembre 2018)


 piemontemielelogo2

 

Con questo documento, la Cooperativa Piemonte Miele vuole esprimere piena condivisione e apprezzamento dei contenuti del ‘Manifesto degli apicoltori’, presentato da Unaapi al convegno di Oleggio (NO).
L’apprezzamento, in particolare, è rivolto a come si sia riusciti a rivendicare il ruolo chiave degli apicoltori sull’argomento; la condivisione è rivolta alla modalità con cui i rappresentanti del settore hanno saputo riconoscere alcuni limiti dell’attuale modello di allevamento apistico e hanno indicato i possibili percorsi per correggere direzione, recependo così l’appello che la comunità scientifica ha espresso attraverso la ‘Carta di San Michele all’Adige’ ma proponendo percorsi attuabili e gestibili che riescano ad unire e non a dividere il settore.

 

Piemonte fiorito: una opportunità presente nella PAC e non solo

(17 dicembre 2018)

brochure semi foto

Aspromiele (Associazione Regionale Produttori Apistici del Piemonte), intende promuovere e diffondere in modo capillare la coltivazione di semi e piante mellifere.

Il 13 dicembre 2017 è stato approvato il Regolamento Omnibus (Reg. 2017/2393, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2017); si tratta di una miniriforma della PAC 2014-2020, entrata in vigore il 1° gennaio 2018. L’articolo 46 del regolamento riporta l’elenco delle superfici considerate aree di interesse ecologico (EFA): siepi, filari, bordi di campo, colture azotofissatrici; il reg. Omnibus ha previsto anche l’aggiunta di terreni a riposo con piante mellifere. Questi terreni devono essere lasciati a riposo con copertura di specie mellifere, con un periodo di riposo dal 1 gennaio al 31 luglio.

 

Biomonitoraggio Aspromiele: i risultati della stagione 2018. Meno residui ma in maggior quantità

(12 dicembre 2018)

biomonitoraggio 2018 2

Si è concluso, per la stagione 2018, il Biomonitoraggio Ambientale con le api di Aspromiele.

Nel secondo trimestre i dati ambientali hanno registrato l’andamento del caldo intenso di agosto fino al mese di settembre, prolungando il periodo di attività delle api. Sono state rilevate mortalità di api attraverso le trappole underbasket nella postazione di Alba Sud ancora nel mese di luglio oltre che nei mesi di aprile e giugno, mentre la situazione è migliorata nei mesi di agosto e settembre, dato che rispecchia anche il ritrovamento di residualità nelle matrici analizzate.

Per quanto riguarda le analisi di miele e polline si sono registrate residualità solo nel mese di luglio, salvo un campionamento di polline di agosto della postazione di Alba sud. I referti positivi hanno registrato solo residui di glifosate, mentre non sono stati rilevati altri agrofarmaci dalle analisi multiresiduali.